Come sfruttare il potere della luna calante per la Dieta delle parole col Metodo 3T

Oggi voglio approfittare di queste giornate particolari ( e presto ti dirò perché sono così particolari) per darti qualche spiegazione circa le mie motivazioni per essermi un po’ “eclissata” dalla scrittura, dalla condivisione e anche un po’ dai rapporti professionali.

Ti è mai capitato di ritrovarti in una situazione di totale rivoluzione di pensieri, priorità, interessi?

Ti è mai capitato di sentire una spinta fortissima nel ricercare un ordine nuovo alle cose?

Complice anche l’arrivo dell’inverno, che ci spinge a stare più in casa, e l’arrivo anche degli ultimi mesi dell’anno, ammetto che per me è stato un periodo di intensa analisi di me stessa.

DOMANDE

Mi sono sottoposta ad alla riflessione di tre domande strategiche di cui ti parlerò tra un attimo per dare appunto una sistemata alla situazione.

E non SOLO perché verso la fine dell’anno si fanno i soliti bilanci,  si scrivono gli obiettivi, si riempiono i diari di nuovi propositi (nulla di male a farlo, intendiamoci…anzi).

Ho fatto anche tutte queste cose.

Anzi nel precedente articolo ti ho anche svelato la mia parola dell’anno o, meglio, la mia definizione dell’anno ( lo trovi qui).

Tuttavia questa volta è stato diverso.

Mi sono resa conto che la maternità ha toccato alcune corde speciali e dentro di me è iniziata una nuova melodia , con emozioni nuove  e molto intense ( e non mi riferisco solo al mio rapporto con la bambina).

UN NUOVO ORDINE

Mi riferisco ad un nuovo modo di vedere le cose.

Un modo più “lunatico”, direbbe mio marito.

Così ho iniziato ad approfondire le circostanze, a considerare anche aspetti nuovi e a ricercare alcuni argomenti strettamente collegati all’universo della femminilità.

Sono partita da un libro in particolare, di cui ti parlerò presto, e poi ho iniziato a seguire anche una formazione online, incentrata proprio sull’argomento di cui ti sto parlando.

Sono giunta  focalizzarmi soprattutto su due elementi:

  • l’importanza della natura ciclica della Donna,
  • l’influenza delle fasi lunari

 

Con questa nuova consapevolezza le tre domande che non mi hanno lasciata dormire la notte ( insieme con le sveglie  notturne della bimba ) sono state soprattutto tre:

  1. Chi sono?
  2. Come voglio manifestarmi al mondo, soprattutto da un punto di vista professionale?
  3. Che tipo di problemi voglio aiutare a risolvere alle persone che si rivolgono a me, che seguono i miei corsi e leggono i miei libri?

Cosa c’entrano queste domande con la ciclicità femminile, la luna e la gratitudine, che è il filo conduttore  sia nella mia vita personale che nei progetti professionali che realizzo?

La mia scoperta è stata proprio questa.

Il fatto di analizzare alcune caratteristiche fisiologiche personali, mi ha permesso di accedere ad una nuova forma di consapevolezza, che adesso considero imprescindibile in un cammino di crescita personale ( che poi ha dei riscontri nel mondo professionale che non avevo mai considerato).

E il fatto che mio marito mi scherzasse, dicendomi:

 

“puntualmente le discussioni tra di noi, avvengono ogni mese come se fosse un ciclo. Forse sarà che voi donne siete un po’ lunatiche e noi uomini no”.

Ammetto che in prima battuta questa affermazione mi ha un po’ infastidita perché la consideravo un luogo comune.

AGISCI COME PREDICHI

Successivamente ho applicato il Metodo 3T e manifestato gratitudine perché avevo davanti una nuova occasione per mettermi in gioco e per evolvermi.

Così si è realizzata una vera e propria magia.

Mi sono soffermata ( e continuo a farlo) sulla ciclicità delle mie emozioni e su come le fasi lunari hanno influssi positivi non solo sulla natura ma anche sulla salute e la vita quotidiana.

So che sono agli inizi di questo nuovo percorso ed ho un grande desiderio di approfondire tanti aspetti che ancora non mi sono ben chiari.

Ma se per secoli l’uomo per garantirsi la sopravvivenza è vissuto in costante armonia con i molteplici ritmi della luna, perché non vivere la quotidianità attuale dando una occhiata alla luna e godere dei benefici della sua potenza?

Già quando ho scritto “Dillo con un Grazie e sii felice”, ho inserito  nella giornata dedicata alla luna, ma quello che voglio invitarti a fare in queste prime settimane dell’anno è qualcosa di diverso ( e di questo ne abbiamo discusso anche nel gruppo Facebook nella prima diretta tematica dell’anno – e se ancora non ci sei, ti invito a chiedere l’iscrizione da qui ).

Prima di scrivere o individuare i sogni che diventeranno i  tuoi nuovi obiettivi per il nuovo anno

è  una “Dieta Disintossicante”, che segua magari anche il ritmo lunare.

Infatti, ho scoperto che è la fase di luna calante  è più adatta per fare una sorta di “pulizia” e magari approfittarne per sbarazzarci di ciò che desideriamo lasciare andare dalla nostra vita.

Quindi quale momento migliore per iniziare a fare un po’ di pulizia del linguaggio?

La dieta è quella che già ho proposto lo scorso anno ed è la Dieta delle Parole che consiste nella individuazione di  parole ( e di conseguenza di pensieri) che non vuoi più e che vuoi lasciare.

ISTRUZIONI

  1. Da oggi, fino a domenica 3 febbraio (esercizio che si può ripetere in ogni fase di luna calante), scrivi su un foglio le parole che lasci andare
  2. Le ringrazi per essere state parte di te: concentrati per qualche minuto e senti gratitudine, pronuncia ( sempre che tu te la senta in quel momento, altrimenti non forzare) la parola “GRAZIE” verso quella parola
  3. Domenica 3 febbraio liberati di quel foglio, affidalo alla luna e al suo potente silenzio quelle parole che non vuoi più nel tuo linguaggio quotidiano e, soprattutto, nella tua testa.

Per questo mese, in tema di luna è tutto  (a proposito la luna di gennaio è definita la luna del Lupo, lo sapevi?) e ti do appuntamento nel gruppo per la prima diretta tematica del mese, che vedrà ospite la straordinaria Claudia Brunetti, autrice dell’ultimo post pubblicato qui nel blog, in cui ci ha raccontato di una coppia davvero perfetta .

Lo trovi qui.

Lascia un commento

Commenti Facebook

Lascia un commento