La tecnica dei 101 desideri e la luna nuova

Eccomi tornata nel blog con un nuovo articolo dedicato alle ispirazioni legate alla natura.

Continuo a parlarti della luna, questa volta del potere della luna nuova.

Lo scorso mese ti ho raccontato di come, da quando sono diventata mamma, è letteralmente esplosa in me una forte curiosità nei confronti di tutto ciò che è legato ai ritmi della natura, ad iniziare proprio dalla ciclicità della  luna, che  mi ha sempre molto incuriosita ed alla quale mi sono sempre sentita molto attratta.

Ecco perché ho deciso di condividere anche qui nel blog tutto ciò che imparo e metto in pratica nella mia vita perchè ritengo che vada tutto ad inserirsi in un cammino di crescita personale, anche legato al tema della gratitudine, come quello che seguo da qualche tempo.

Lo scorso mese ho dedicato attenzione ad un piccolo rituale dedicato alla luna alla luna calante.

Trovi l’articolo qui nel link.

A partire dal 4 febbraio, è iniziata una nuova fase lunare, detta di luna NUOVA, che gli antichi definivano “luna morta”.

La luna si trova più vicina al sole e e, se vista dalla Terra, mostra la sua faccia oscura. 

Questa fase è più propizia per esprimere desideri, liberarsi da una abitudine che si ritiene cattiva. fare ordine o pulizia.

 Volendo applicare questi principi alla nostra crescita personale e alle tecniche che possiamo utilizzare, ecco cosa ho iniziato a fare da qualche mese.

 

ORDINE TRA I DESIDERI E I PROGETTI

A partire dal giorno di luna nuova, può essere utile riprendere in mano l’elenco dei progetti, dei sogni, degli obiettivi che hai stilato magari tra la fine dello scorso mese e l’inizio del mese di gennaio per fare una revisione ed eventualmente magari rivedere cancellare qualcosa che adesso non rientra più tra le tue priorità.

Oppure magari cercare di individuarne qualcun altro nuovo che nelle scorse settimane ancora non era chiaro per te.

La lunazione di febbraio è detta “la luna di ghiaccio” e  inizia a farsi sentire il desiderio della Primavera quasi come se fosse  una fame inarrestabile dell’anima.

La primavera da  qui a qualche settimana inizierà a farsi sentire ed io voglio preparare, insieme a te, il terreno per la Luna nuova di Marzo ( che sarà il giorno 6) per applicare una tecnica di cui ho sentito più volte parlare ma su cui non mi ero ancora soffermata.

 

La tecnica dei 101 Desideri

Quale momento migliore per predisporsi a desideri nuovi se non a primavera?

Infatti credo che verso la fine dell’anno e l’inizio del nuovo, si abbia meno lucidità.

Invece, con un pò più di calma, si ha anche la possibilità di riflettere, raccogliere le idee e scegliere anche quale tecnica sentiamo più vicina a noi. 

Quest’anno io ho scelto di pensare un pò come un contadino e predisporre tutto come se avessi un terreno  in cui “piantare” i desideri affinchè possano trovare nutrimento come bulbi e germogliare.

Ho già fatto esperienza nei mesi scorsi ed ho riservato la luna nuova del mese di febbraio non solo per rivedere o esprimere nuovi desideri, ma anche per applicare la tecnica nuova di cui ti accennavo.

Prima di svelarti tutti i dettagli, ci tengo a ricordarti che 

se sai il COSA , il COME realizzarlo si trova

Infatti, posso dire che quando si ci apre alle possibilità della creatività con gratitudine ed amore, davvero accadono miracoli nella realtà.

Quindi il mio invito è Preparati ed apriti, senza paure alle infinite possibilità. 

Così ho fatto, quando mi è venuta l’idea di unire le conoscenze che sto raccogliendo sul potere delle fasi lunari con la Tecnica dei 101 desideri, riportata all’attenzione del pubblico dall’autore Igor Sibaldi.

Ho personalizzato questa pratica che inizierò questa sera, proprio per ricevere anche l’energia della luna nuova, unendo naturalmente tanta gratitudine

Credo che non ci siano controindicazioni nel mettere insieme ciò che si studia e si sperimenta per poi condividerlo.

Il quaderno dei 101 desideri

Quando ho ricevuto in dono dalla cara Simona il quaderno che vedi nella foto, l’ho subito battezzato come il quaderno dei 101 desideri

(se vuoi sapere il motivo per cui nelle mie foto trovi spesso una pigna d’oro, ti invito a leggere qui).

 

Avevo sentito parlare da tempo di questa tecnica ma volevo comunque unirla con ciò che stavo sperimentando in tema di gratitudine e fasi lunari.

Quindi ecco che, dopo un pò di studio, ho unito i pezzetti ed ho deciso di 

iniziare il quaderno dei 101 desideri, proprio nella prima sera di luna nuova del mese precedente quello di  primavera (quindi febbraio) e aggiungere tanta gratitudine, naturalmente.

Non a caso ho utilizzato il verbo INIZIARE.

Infatti adesso che conoscerai le regole della tecnica e man mano che inizierai a scrivere i tuoi 101 desideri, ti renderai conto che non è poi così scontato.

 

LA PRERARAZIONE

 

PRIMO PASSAGGIO

Prepara due quaderni.

Inizia a scrivere 150 desideri su quello che è il tuo quaderno di brutta.

Hai letto bene 150.

Personalmente, ho iniziato da qualche giorno e non so quanto tempo impiegherò per portare a  termine questa operazione

Da alcune ricerche è stato evidenziato che un adulto medio non è in grado di esprimere più di 10 desideri alla volta.

Quindi prendiamo tanta pazienza e andiamo avanti.

 

SECONDO PASSAGGIO

Raggiunti i 150, depenna 49 desideri, in modo tale da ottenere il fatidico numero di 101.

Come lo stesso Sibaldi lo definisce “un bel numero orientale, che raffigura simbolicamente un intero grande, ma aperto, grazie a quel 1 in più, verso ulteriori sviluppi“.

 Non appena avrai deciso quali togliere, copierai i 101 rimanenti su un nuovo quaderno, in bella copia.

 

Le 10 regole

Le 10 regole della tecnica dei 101 desideri

1 – Scrivi il desiderio iniziando con la formula “io voglio”

 Io voglio seguito dall’oggetto/situazione delle tue brame. 

Perché? 

Perché l’Universo è molto attento.

L’uso del condizionale, potrebbe lasciare intendere che non non si tratta di un qualcosa che desideri poi tanto.

2 – Evita di far comparire nel desiderio la parola “non”

Al posto di dire “non voglio stare male” scrivi “voglio stare in salute, voglio essere sano”.

Il motivo è che l’inconscio non conosce la parola “non”.

 

3 – Non chiedere denaro

Il motivo di questa terza regola è che i soldi sono un mezzo per ottenere ciò che vogliamo.

Quindi scrivere ad esempio “Voglio la casa nuova”.

 

4 – Esprimi il desiderio tramite al massimo 14 parole

Scrivi “io voglio”  + non più di altre 12 parole. 

che equivalgono al tempo  il tempo di un respiro, ed il respiro è vita

 

5 – Non fare paragoni

Stiamo studiando   una tecnica che oltre ad aiutarti a realizzare ciò che vuoi, ti aiuterà conoscerai meglio te stesso, quindi i desideri sono solo i tuoi, non di altri.

 

6- Non scrivere desideri in serie

Se, ad esempio, desideri viaggiare, non chiedere contemporaneamente un viaggio in Inghilterra, uno in Cina ed uno negli Stati Uniti. Chiedi uno fra questi tre.

 

7- Chiedi per te stesso e non per gli altri

L’idea è che ognuno di noi è responsabile per la propria vita.

 

8- Non chiedere una relazione con una persona specifica

Stesso motivo di prima, non è bene interferire con le storie degli altri, quindi si può desiderare una relazione appagante e piena d’amore e la  persona che arriverà, sarà automaticamente quella giusta! 

 

9- Evita desideri generici

Ti suggerisco di seguire anche il  video di Sibaldi, e vedrai  che in questo punto dice testualmente “solo desideri verificabili”.

10- Non usare  vezzeggiativi o diminutivi

Non chiedere una “casetta” perché il rischio è di vederti recapitare una casetta delle bambole.

Esprimi bene il tuo desiderio.

Prima di lasciarti al video di Igor Sibaldi, 

 

 

L'undicesima regola (quella segreta)

Prima di lasciarti al video di Igor Sibaldi, desidero aggiungere una regola.

Quando esprimi il desiderio, scrivi anche la parola GRAZIE ( 3 volte sarebbe ideale) e sentiti come se fosse già stato realizzato nella tua vita.

Ti dò appuntamento alla prossima ispirazione lunare.

Se desideri continuare il tuo cammino di crescita e adottare uno stile di gratitudine, come stile di vita, ho preparato un nuovo kit della gratitudine che puoi scaricare cliccando sul bottone qui in basso. 

 

Commenti Facebook

Lascia un commento